FreeBSD e Gitlab?

Da molto tempo non proviamo niente su FreeBSD, con l’occasione di dover mettere su un server privato dove utilizzare principalmente gitlab abbiamo pensato di tornare a sperimentarci sopra. Esiste un port mantenuto, quindi non dovrebbe essere complicato, ma vi faremo sapere 🙂

Perché FreeBSD

Da tempo utilizziamo vari tipi di virtualizzazione su linux, quelli che abbiamo usato per più tempo sono stati XEN e LXC/LXD ma è da un po’ che vogliamo provare jails, oltre che ZFS, ma il supporto di linux a ZFS non ci appare sufficientemente maturo, per quanto ci siano distribuzioni che lo utilizzano di default o che quantomeno lo propongono.

Perché Gitlab

Ecco su questo in realtà siamo un po’ indecisi, lo abbiamo già usato e continuiamo a preferire gitlab.com a github.com, ma in realtà stiamo cercando anche delle alternative che probabilmente testeremo su questo server. Anche qui, vi faremo sapere 🙂

Devuan on MacBook Pro late 2011

Dal momento che non siamo grandi fan di systemd nè di come sia stato imposto in quasi tutte le distribuzioni Gnu/Linux, da un po’ di tempo devuan è una delle distro che utilizziamo stabilmente (qui un loro articolo su perché è nato il progetto).

Avendo un Macbook pro 15” late 2011 (sì, quelli della gpu difettosa, sul cui recupero probabilmente scriveremo un altro articolo) su cui giocare abbiamo provato ad installare devuan, a partire da una netinst di devuan beowulf.

L’installazione è andata liscia e funzionano persino i tasti per modificare l’illuminazione del display che non funzionano invece su macOs. Quello che non funziona invece è pulseaudio, per qualche motivo che non abbiamo ancora indagato dato che poco ci serve, ed il wifi ha dei comportamenti piuttosto strani (broadcom… brrrr…), ma sia per l’installazione che per l’utilizzo del pc abbiamo una connessione via cavo, quindi anche qui, ci risentiremo, tentando l’installazione da wifi.

OpenSSH: come copiare la chiave pubblica sull’host remoto

Per abilitare l’accesso ad un host remoto con ssh tramite chiave pubblica requisito fondamentale è che la chiave pubblica si trovi nel file ./.ssh/authorized_keys della cartella home dell’utente che si vuole utilizzare per l’accesso, che chiameremo $utente.

detto file è un semplice file di testo che contiente in sequenza le chiavi pubbliche degli utenti remoti autorizzati a loggarsi come $utente.

Ecco una serie di modi per ottenere questo risultato:

ssh-copy-id

ssh-copy-id è un’utility che viene insiem

scp

scp

cat -> ssh -> echo